Gli Stornellatori - Serenate, canzoni romane, tradizioni e cultura di Roma


 
 
 

 
 
 
   Canzoni
 
Ricerca la canzone:      Lista Completa
 
Tanto pe' cantà'

TANTO PE’ CANTA’             di Ettore Petrolini

E' una canzone senza titolo tanto pe' canta`,
pe' fa` quarche cosa... non e` gnente de straordinario
e` robba der paese nostro
che se po` canta` pure senza voce... basta 'a salute...
quanno c'e` 'a salute c'e` tutto...
basta 'a salute e un par de scarpe nove
poi gira` tutto er monno... e m'a accompagno da me...


Pe' fa` la vita meno amara me so' comprato 'sta chitara
e quanno er sole scenne e more me sento 'n core cantatore.
La voce e` poca ma 'ntonata, nun serve a fa' 'na serenata
ma solamente a fa` 'n maniera de famme 'n sogno a prima sera...


Tanto pe' canta` perche` me sento un friccico ner core
tanto pe' sogna` perche` ner petto me ce naschi 'n fiore
fiore de lilla`
che m'ariporti verso er primo amore
che sospirava le canzoni mie
e m'aritontoniva de bucie.


Canzoni belle e appassionate che Roma mia m'aricordate,
cantate solo pe' dispetto, ma co' 'na smania dentro ar petto,
io nun ve canto a voce piena, ma tutta l'anima e` serena
e quanno er cielo se scolora de me nessuna se 'nnamora...


Tanto pe' canta` perche` me sento un friccico ner core
tanto pe' sogna` perche` ner petto me ce naschi un fiore
fiore de lilla`
che m'ariporti verso er primo amore
che sospirava le canzoni mie
e m'aritontoniva de bucie. (2 volte)

Serenata Trasteverina

Serenata Trasteverina

 

Bella regazza che cjai cent’amanti

affaccete ‘n tantino a la loggetta

se semo riuniti tutti quanti

te vojo fa sentì sta canzonetta.

Paraponzipò, paraponzipò, Paraponzipò, paraponzipò.

 

C’è Peppino, c’è Ninetto, ce sta Pippo l’avvocato

c’è Giggeto ce sta er mago, viè a vedè che bisca c’è.

 

Vieni giù bell’angioletto, te li conti co le mano,

c’è persino er sacrestano, semo centoventitre

Paraponzipò, paraponzipò,

Paraponzipò, paraponzipò

 

Co tutti noi cjai fatto ‘n po’ l’amore

a tutti cjai giurato amore eterno

nissuno t’ha saputo legge er core

sol’io te l’ho esplorato ‘n po’ all’interno.

Paraponzipò, paraponzipò, Paraponzipò, paraponzipò

 

Baci e pizzichi de Nino, l’abbracciate de Pippetto

l’attastate de Cencetto te le sei scordate già.

 

Io t’ho visto pure un neo, in un sito ‘n po’ niscosto

ma nun vojo dì in che posto pe’ nun fatte svergognà’.

Paraponzipò, paraponzipò,

Paraponzipò, paraponzipò

 

De te sapemo tutti quarche cosa,

che cjai li nastrì alle mutande

le giarrettiere so’ color de rosa

e in mezzo c’è ‘na rosa così grande.

Paraponzipò, paraponzipò, Paraponzipò, paraponzipò

 

Le carezze che cjai fatto, li bacetti che cjai dato

quante vorte cjai abbracciato nun se ponno più contà’

 

C’è Donato lo stallino c’è Pietruccio, c’è er pelato

ce sta Armando er disgraziato stamo tutti aspettà’ a te.

Paraponzipò, paraponzipò,

Paraponzipò, paraponzipò

 

Parlasse na stanzetta a mano manca

che n’avrà vista quarche d’una grossa

la carta a muro ch’era tutta bianca

da la vergogna è diventata rossa

Paraponzipò, paraponzipò, Paraponzipò, paraponzipò

 

Viè a sentì sto concertino, Pippo sòna l’organetto

Peppe er flauto e Ninetto la chitara sta a sonà’

 

Scenni giù sur portoncino mo nun passa più nissuno.

Ce contenti uno a uno semo centoventitre

Paraponzipò, paraponzipò, Paraponzipò, paraponzipò

Paraponzipò, paraponzipò, Paraponzipò, paraponzipò

 
 Accedi all'Area Riservata Home - Foto - Contatti - Discografia - Spettacoli - Poesie    Web Design: Creazioni web