Gli Stornellatori - Serenate, canzoni romane, tradizioni e cultura di Roma


 
 
 

 
 
 
   Poesie
 
Ricerca la canzone:      Lista Completa
 
Er passero ferito

   Er passero ferito         di Natale Polci

 

Era d‘Agosto. Un povero uccelletto,  ferito da la fionna d’ un maschietto,

s’agnede a riposà co ‘n’ ala offesa,  su la finestra aperta d’una chiesa.

 

Da le tendine der confessionale,  un prete intese e vidde l’animale,

ma dato che lì fori,  c’ereno nun so quanti peccatori,

richiuse le tendine espressamente,  e se rimise a confessà la gente.

 

Ma mentre che la massa de persone,  diceva l’orazzione

senza guardà pe’ gnente l’ucelletto, ‘n omo lo prese e se lo mise in petto…

Allora ne la chiesa se sentì,  un lungo cinguettìo: cì-cì, cì-cì…

 

Er prete, risentendo l’animale,  lasciò er confessionale,

poi, nero nero peggio de la pece,    s’arampicò sur purpito e lì fece:

-Fratelli, chi ha l’ucello per favore  vada fora dar Tempio der Signore!-

 

Li maschi, tutti quanti in una vorta,  partirono p’annà verso la porta,

ma er prete, a que lo sbajo madornale: -Fermi!- Strillò- che me so espresso male…

Tornate indietro e stateme a sentì:  qua, chi ha preso l’ucello deve uscì!-

 

A testa bassa e la corona in mano,  cento donne s’arzorno piano piano.

Ma mentre se ‘n’annaveno de fora,  er prete ristrillò:- Ho sbajato ancora!

Rientrate tutte quante fije amate,  ch’io nun volevo dì quer che pensate.

Io v’ho già detto e ve ritorno a dì,  che chi ha preso l’ucello deve uscì,

ma io lo dico a voce chiara e stesa,  a chi l’ucello l’abbia preso in chiesa!-

 

In quello stesso istante,  le moniche s’arzorno tutte quante,

eppoi, cor viso pieno de rossore,  lasciarono la casa der Signore.

 

( Un anonimo ha poi concluso con questi altri versi)

 

Er prete co’ la faccia imbambolata,  capì che aveva detto ‘na cazzata

E sentenziò: - Rientrate piano piano…  sorta chi adesso cià l’ucello in mano!-

Una ragazza che cor fidanzato,  stava co’ lui a sede sur sagrato,

disse impaurita, cor visetto smorto:  - che te dicevo? A stronzo! Se n’è accorto!-

 

Ma quello che nessuno ha mai capito è perché pure er chirichetto s'è  arzato e se n’è ito….

 
 Accedi all'Area Riservata Home - Foto - Contatti - Discografia - Spettacoli - Poesie    Web Design: Creazioni web